Tags: overclockamdreviewrecensionetestapuTrinityA10-5800K

A10-5800k copertinaDopo aver pubblicato l’anteprima del lancio delle nuove APU prodotte da AMD, averne sviscerato le caratteristiche tecniche ed avervi mostrato i primi risultati (potete trovare l’articolo a questo indirizzo) è giunto il momento di approfondire andando ad analizzare più nel dettaglio le performance attraverso i benchmark sintetici, attraverso videogiochi e quelle che sono le possibilità di overclock di tale sistema, i consumi e soprattutto il prezzo.

 

 

 

amd-logo

 

Iniziamo questo approfondimento partendo proprio dall’aspetto che più rende interessanti queste nuove soluzioni integrate di AMD, il prezzo: 120 Euro circa.

Come facilmente immaginabile e come ormai da tradizione AMD cerca, con queste soluzioni, di puntare alla fascia di mercato entry-level e lo fa con prepotenza, proponendo le nuove APU più potenti a soli 20 Euro in più rispetto alla precedente generazioni di APU, targate Llano, disponibili online a circa 100 Euro.

Come abbiamo potuto notare dai risultati mostrati nei test contenuti nell’articolo di anteprima, le performance a livello grafico, a dettagli medi ma a risoluzioni elevate, sono di tutto rispetto facendo registrare un netto miglioramento delle performance in DX9 e DX10 rispetto alla precedente famiglia Llano.

Andremo ora invece ad analizzare quali sono i miglioramenti, se ce ne saranno, del comparto CPU e lo faremo con la consueta suite di test che puntualmente eseguiamo ogni volta che un nuovo processore entra nella nostra redazione; inoltre avendo notato in fase di preview le ottime performance della IGP HD7660D, abbiamo deciso di sottoporla, insieme alle vecchie soluzioni Llano e alla controparte Intel HD4000 integrata, ai test che solitamente vengono utilizzati per valutare le performance delle schede video dedicate, includendo giochi in DirectX9, DirectX10 e DirectX11 oltre che a benchmark sintetici noti.


Caratteristiche tecniche

 

A10-5800k front A10-5800K back

Come già visto nella preview del 27 settembre, l’AMD Trinity A10-5800K è l’APU top gamma della nuova famiglia Trinity dotato di 904pin ed installabile sul nuovo Socket FM2.

cpuz1

 

cpuz2 cpuz3 cpuz4

 

Questa Accelerated Processing Unit è dotata di quattro core operanti alla frequenza base di 3.8GHz, 4.2 in Turbo Core, costruiti con processo produttivo a 32nm, come le vecchie soluzioni Llano ed avente un’impronta termica massima pari a 100W.

Il nuovo processore dell’AMD Trinity A10-5800K è dotato di 128KB di cache di primo livello e di 4MB complessivi al secondo; come nel caso dei precedenti Llano, queste APU sono sprovviste di cache di terzo livello.

L’ultima schermata relativa a CPU-Z riporta le informazioni relative alla RAM ed ai relativi timings; l’A10-5800K supporta a pieno le ram DDR3 funzionanti alla frequenza di 1866MHz.

Come per le soluzioni Llano, la “K” all’interno del nome indica che la APU è dotata di moltiplicatore sbloccato in entrambe le direzioni e quindi garantisce una grande semplicità di overclock, possibile agendo direttamente sul moltiplicatore e senza toccare la frequenza di bus di sistema.

 

gpuz

 

Il comparto grafico è affidato alla Radeon HD 7660D, IGP dotata di 384 stream processors operanti alla frequenza di 800MHz e con pieno supporto alle ultime DirectX 11.

 

Per maggiori dettagli sull'architettura vi invitiamo alla lettura della preview.


Sistema di prova e test

Di seguito riportiamo la tabella riportante le configurazioni con le quali abbiamo effettuato i test di questa APU.

 

piattaforme

 

f2a85xup4a10

 

Di seguito riportiamo l’elenco dei test effettuati con questa APU; tali test comprendono benchmark sintetici sulla CPU effettuati impostando la frequenza della RAM a 1600MHz 8-8-8-24, test sintetici e videogames in DirectX9/10/11 sulla IGP integrata HD7660D con memoria settata a 1866MHz 8-8-8-24. I risultati sono stati comparati ad altre soluzioni più o meno performanti e costose; in questa recensione in particolare ci interesserà valutare le performance e compararle con le precedenti soluzioni Llano e il comparto grafico integrato di Intel, HD4000.

Abbiamo infine inserito i test che vengono effettuati sulle schede video dedicate, mantenendo le medesime impostazioni per poter verificare le performance e paragonarle se possibile a soluzioni non integrate.

I test eseguiti sulla CPU sono:

 

SINTETICI

  • 3DMark Vantage
  • AIDA64

 

COMPRESSIONE DATI E MULTIMEDIA

  • 7zip
  • Winrar
  • Cinebench 11.5 e 10
  • X264 Benchmark HD
  • Hand Brake
  • Fritz Chess
  • Blender
  • POV-Ray
  • Euler 3D
  • Sisoftware Sandra

 

L’elenco sottostante comprende, invece, i test effettuati sulla IGP:

  • 3DMark Vantage
  • Lost Planet 2
  • Dirt 2
  • Resident Evil 5
  • S.T.A.L.K.E.R.
  • The Last Remnant

I seguenti test sono stati comparati con altre IGP e con schede video dedicate:

 

Benchmark Sintetici:

  • 3D Mark Vantage - DX10
  • 3D Mark 2011 - DX11
  • Unigine Heaven Benchmark V 3.0 - DX11
  • Stone Giant 11
  • ComputeMark - DX11
  • PLA Benchmark – DX11

 

Giochi:

  • Crysis Warhead - DX10
  • Hard Reset - DX9
  • Mafia 2 - DX10
  • Batman Arkham City - DX11
  • Stalker COP - DX11
  • Battlefield 3 -DX11
  • Crysis 2 - DX11
  • DirT3 - DX11
  • Aliens vs Predator - DX11
  • Metro 2033 - DX11
  • Formula 1 2011 - DX11
  • SniperElite V2 – DX11

CPU – 3DMARK VANTAGE

 

Prodotto dalla Futuremark, 3DMark Vantage è uno strumento utile per testare le prestazioni del proprio sistema. Principalmente ideato per rilevare le prestazioni del comparto grafico il 3DMark Vantage si rivela adatto anche per il testing delle CPU che sempre più spesso fanno da collo di bottiglia nei sistemi quando si parla di applicazioni grafiche. Il test è stato effettuato solamente per quanto riguarda la CPU, disabilitando i 2 steps relativi esclusivamente alla VGA.

 

3dmark vantage

Come possiamo notare dal grafico relativo al 3DMark Vantage, la nuova APU A10-5800K si posiziona a cavallo tra il Phenom II X4 975BE ed il Phenom II X4 840.

Il distacco rispetto alla precedente generazione di APU, della famiglia Llano, è esiguo; notiamo però che al contrario dell’A8-3870K questa nuova soluzione riesce a lasciarsi alle spalle gli Intel i3 testati, anche se di poco.

 


CPU – AIDA64

 

Aida64 è un software prodotto dalla FinalWire che consente di monitorare il sistema fornendoci informazioni dettagliate sulla componentistica hardware. Il software comprende al suo interno un’utility di bench in grado di testare memoria e le cache presenti all’interno del processore.

aida read

 

aida write

 

aida copy

 

aida latency

 

In questo caso i risultati sono altalenanti; come nel precedente caso notiamo che il distacco tra la vecchia soluzione Llano e la nuova Trinity è esiguo ma notiamo come in alcuni caso il vecchio A8-3870k risulti essere più performante rispetto all’A10-5800K.

Misurando le latenze l’AMD Trinity ha addirittura fatto registrare uno dei valori più bassi in assoluto.

 


CPU – 7Zip 9.20

Questo noto software di gestione degli archivi contiene al suo interno un tool in grado di analizzare le prestazioni di sistema, riportando un valore espresso in MIPS (million istruction per second). Il test comprende compressione, decompressione e valore generale.

7zip920

Anche in questa occasione le prestazioni del nuovo A10-5800K sono perfettamente in linea con quelle registrate dalla vecchia soluzione Llano.

 

CPU – WINRAR 4.01

 

Altro famoso software di compressione e decompressione di archivi di dati. Al suo interno è presente una utility di benchmark che comprime un file standard atto a tale scopo; il software provvede a restituire il valore di compressione espresso in KB/s.

winrar stable

In questo caso la nuova APU distacca di circa 400 punti la vecchia soluzione, lasciandosi alle spalle, inoltre tutti i processori della famiglia Phenom II X4.

 


CPU – CINEBENCH 10

 

Software prodotto dalla Maxon che permette, tramite l’elaborazione di immagini e di contenuti tridimensionali, di testare le performance della CPU. Il software permette il test della CPU utilizzando un core singolo oppure tutti i core presenti all’interno del processore.

cine 10

Ancora una volta le differenze tra la vecchia piattaforma Llano e la nuova soluzione Trinity sono esigue, nell’ordine di qualche decina di punti.

Nello specifico notiamo come in single-core l’A10-5800K faccia registrare un valore superiore rispetto alla soluzione A8-3870k mentre in multi-core il risultato è opposto.

 

CPU – CINEBENCH 11.5

 

Software prodotto dalla Maxon che permette, tramite l’elaborazione di immagini e di contenuti tridimensionali, di testare le performance della CPU. Il software permette il test della CPU utilizzando un core singolo oppure tutti i core presenti all’interno del processore.

cine 115

Utilizzando Cinebench 11.5, invece, notiamo come il nuovo A10-5800K faccia registrare valori decisamente inferiori alle vecchie soluzioni che, nel caso del Llano A8-3870k, fanno registrare uno stacco di quasi 1 punto in configurazione multi-core.

 


CPU – X264 Benchmark HD 3.0

 

Software in grado di misurare le performance della CPU mediante la codifica video x264.

x264

I risultati di questo test fanno tornare l’A10-5800K sopra al vecchio Llano A8-3870k ma anche in questa circostanza di pochi punti.

 

CPU – HANDBRAKE

 

Software di transcodifica video multithread con il quale trasformeremo un file (un film) in MP4; il processo comprende codifica video x264, codifica audio FAAC e mux finale in contenitore MP4. Verrà preso in considerazione il tempo impiegato dalla CPU per svolgere questo compito.

handbrake

Il test cambia ma non i risultati, i miglioramenti della nuova piattaforma rispetto alla precedente, in ambito CPU, sono veramente esigui.

 


CPU – FRITZ CHESS

 

Fritz Chess è il più forte motore di scacchi ed è l’evoluzione di quello che ha affrontato il campione del mondo Vladimir Kramnik nel Bahrain nell’ottobre del 2002. Milioni di appassionati di scacchi hanno guardato le partite in diretta in Internet. Fritz è stato capace di pareggiare il match (4:4), e Kramnik ha mostrato tutto il suo rispetto per la performance di Fritz quando ha detto: “DeepFritz è più forte di DeepBlue!” Il nuovo motore del Fritz8 si basa appunto su quella versione “Bahrain” ed è stato ulteriormente migliorato nel gioco posizionale.

fritz chess

Fritz Chess ci mostra, invece, come le vecchie soluzioni Llano facciano registrare prestazioni superiori di circa 500 Kilo nodes rispetto alla nuova APU di AMD.

 

CPU – BLENDER 2.60

 

Blender è un programma open source di modellazione, rigging, animazione, compositing e rendering di immagini tridimensionali. Dispone inoltre di funzionalità per mappature UV, simulazioni di fluidi, di rivestimenti, di particelle, altre simulazioni non lineari e creazione di applicazioni/giochi 3D. È disponibile per vari sistemi operativi: Microsoft Windows, Mac OS X, Linux, FreeBSD, assieme a porting non ufficiali per BeOS, SkyOS, AmigaOS, MorphOS e Pocket PC. Blender è dotato di un robusto insieme di funzionalità paragonabili, per caratteristiche e complessità, ad altri noti programmi per la modellazione 3D.

blender

In questo caso l’AMD A10-5800K registra un risultato decisamente superiore rispetto alla vecchia piattaforma, piazzandosi addirittura sopra (in single core) all’AMD FX-8150.

Quasi tutte le soluzioni Intel i3/i5/i7 però, staccano notevolmente le soluzioni AMD.


CPU – POV RAY 3.7

 

POV-Ray è un programma di ray tracing disponibile per una gran varietà di piattaforme. Era originariamente basato su DKBTrace, un programma sviluppato da David Kirk Buck and Aaron A. Collins. È stato anche influenzato pesantemente dal programma di ray tracing Polyray con il beneplacito del suo autore, Alexander Enzmann. Nelle versioni più recenti il motore di rendering è stato aggiornato profondamente per consentire il calcolo della illuminazione globale, delle caustiche, ed di elementi particellari per generare nubi, fuoco, vapore. Fa ora uso del multithreading, quindi si avvantaggia della presenza sul computer di processori multicore o più processori.

pov ray

Anche in questo test le soluzioni Llano son uscite vincenti contro la nuova APU Trinity.

 

CPU – EULER 3D

 

È un software che può trattare numeri reali, complessi, intervalli di numeri, matrici ed array. Traccia diagrammi 2D/3D ed include un moderno linguaggio di programmazione. Tutte le versioni di EULER sono freeware con licenza GNU. EULER è molto simile a Matlab, ma l’autore tiene a precisare che non si tratta di un suo clone. Euler 3D è utilizzato per analisi di fluidodinamica, dotato di una modalità di benchmarking integrata liberamente utilizzabile che sfrutta tutti i core e thread a disposizione del processore.

euler 3d

Registriamo nuovamente una sconfitta da parte dell’A10-5800K; le performance risultano in linea con le vecchie soluzioni.


CPU – Sisoft SANDRA

 

SiSoftware Sandra (System Analyser, diagnostica e Reporting Assistant) è uno strumento di diagnostica che permette di fornire informazioni dettagliate sulla configurazione hardware e software del computer. Un anno fa, SiSoftware rilasciò Sandra 2010 offrendo pieno supporto a Windows 7; a 18 mesi dal lancio di Windows 7, abbiamo assistito ad una vera e propria incoronazione del PC ad hub multimediale. Pochi mesi fa è stato rilasciato un benchmark dedicato alle unità Blu-Ray, ora gli autori si sono focalizzati sulla realizzazione di un nuovo benchmark: il Media Transcoding basato sulle Media Foundation di Windows 7. A tutto è stato affiancato un nuovo benchmark (Crittografia GPGPU) che permette un confronto diretto tra le prestazioni registrate dalla CPU (utilizzando i set di crittografia disponibili) e quelle della GPGPU.

sandra

Un risultato decisamente favorevole arriva da Sisoft Sandra e nello specifico nel test di crittografia; lo score registrato nella banda in GB/s relativo alla crittografia AES265 è decisamente superiore a tutte le altre soluzioni APU e Phenom II, oltre che a tutte le soluzioni Intel i3.

 


IGP – 3DMARK VANTAGE

 

Dopo aver riportato ed analizzato i test relativi alla CPU passiamo a quelli inerenti al comparto grafico integrato, la IGP Radeon HD 7660D, punto di forza delle nuove APU

I test sono stati effettuati impostando le memorie alla frequenze di  1866MHz.

 

 

3D MARK VANTAGE

Benchmark sintetico sviluppato da Futuremark, richiede obbligatoriamente la presenza nel sistema di una scheda video con supporto alle API DirectX 10 e di un sistema operativo Windows Vista e 7. Il benchmark si compone di 6 distinti test: 4 incentrati sulla GPU e 2 sulla CPU. I test si eseguono scegliendo tra 4 preset configurati da Futuremark, caratterizzati da un livello di carico di lavoro differente, così da meglio riprodurre lo scenario tipico di utilizzo del proprio sistema a seconda del tipo di configurazione Hardware in uso. Il software consente di impostare la configurazione Entry, Performance, High e Extreme. I test sono stati fatti solo nella modalità Entry e Performance.

3dmark vantage

Passiamo ad analizzare i test della IGP integrata e i risultati sembrano essere immediatamente differenti rispetto a quelli per CPU; infatti la differenza riscontrata tra la nuova IGP HD7660D e le precedenti sono marcate.

La nuova soluzione, infatti, si guadagna la vetta con circa 6000 punti di differenza rispetto alla HD 6550D.

 


IGP – S.T.A.L.K.E.R.: CALL OF PRIPYAT

 

S.T.A.L.K.E.R.: Call of Pripyat è uno sparatutto in prima persona di genere fantascientifico post-apocalittico, sviluppato da GSC Game World e pubblicato il 2 ottobre 2009 (5 febbraio 2010 in Europa). Costituisce il terzo capitolo della serie e si colloca cronologicamente dopo i fatti di S.T.A.L.K.E.R.: Shadow of Chernobyl, capostipite della saga. S.T.A.L.K.E.R.: Clear Sky, il secondo capitolo, ne è invece il prequel. Come i precedenti, anche S.T.A.L.K.E.R.: Call of Pripyat è stato sviluppato con l'engine proprietario X-Ray Engine. Un gruppo di Stalker ha raggiunto per la prima volta il cuore centrale di tutta la Zona, la Stazione Nucleare di Chernobyl. La situazione già grave nella Zona si complica e c'è il rischio concreto di una vera catastrofe. Una energia immensa sta cambiando in maniera anomala le zone, ci saranno ancora delle zone da considerarsi sicure ma per la maggior parte tutta l'area sarà ora piena di strane anomalie. Molti degli Stalker e degli altri abitanti della zona sono morti in seguito a questi cambiamenti, mentre nuove zone appaiono ovunque nel territorio. La Zona ora è particolarmente instabile, cosa fare per fermare le anomalie? Il gioco supporta le DirectX 10.1

stalker dx9

 

stalker dx10

 

Come promesso da AMD queste APU risultano decisamente più performanti delle precedenti in ambito gaming tanto da “lasciare” l’AMD Llano A8-3870K ben 16FPS in media più in basso nel test in DX9 ed altrettanto nei test effettuati in modalità DX10.

L’AMD A10-5800K risulta essere, infine, addirittura 3 volte più veloce dell’Intel i7-2600K avente IGP integrata HD 3000


IGP – LOST PLANET 2

 

Lost Planet 2 è un gioco prodotto e sviluppato da Capcom e distribuito da Halifax per PS3, Xbox 360 e PC. Inizialmente avrebbe dovuto essere rilasciato nei primi mesi del 2010, ma Capcom lo ha rimandato alla fine del 2010. Il gioco è ambientato 10 anni dopo l'avventura di Wayne Holden in Lost Planet, e le cose sono molto cambiate: Grazie allo sforzo di Wayne e dei suoi amici, EDN III, il pianeta dove si svolge il gioco, ha cominciato un lento processo di terraformazione, il quale ha causato un drastico mutamento climatico. Infatti se prima in Lost Planet 1, il pianeta era solo artico, ora ci sono zone desertiche, zone tropicali con fitte giungle, zone con climi più miti, ecc. Ma ciò non ha portato pace, anzi, ora che il pianeta è più popolato dagli umani, essi si sono nuovamente divisi in bande e veri e propri clan di pirati delle nevi impegnati in una continua e perenne guerra civile per il controllo del pianeta e dell'EN-T, la sostanza liquida usata sia dagli umani come combustibile per la loro tecnologia, sia dagli Akrid, le creature indigene di EDN III le quali sono un perenne problema per gli umani in quanto estremamente aggressive e difficili da uccidere.

 

lostplanet2

 

In questo caso il divario sembra leggermente ridotto anche se l’A10-5800K risulta essere indiscutibilmente la soluzione più veloce, soprattutto ad una risoluzione pari a 1680x1050.

Anche qui il divario con la controparte Intel è immenso, circa tre volte tanto.


IGP – COLIN MCRAE DIRT 2

 

Il gioco è basato sulla tecnologia Ego, che vedremo anche nel prossimo capitolo di Operation Flashpoint.In DiRT 2 è presente una modalità World Tour che consente di gareggiare in varie location sparse per il mondo: Utah, Giappone, Malaysia, Cina, Croazia, Bassa California, Marocco e Londra. Sono presenti modalità di gara molto diverse tra loro, come Rally, Corsa a Tempo, Distruggi le Porte, Raid, Eliminazione e Dominazione, oltre alla semplice "gara classica". l rally diventa uno sport estremo e ancora più adrenalinico con Colin McRae DiRT 2: nuove corse con appassionanti testa a testa, tracciati dal realismo impressionante ed eventi speciali in stadi e circuiti spettacolari. Da Londra alla Malesia, dal Marocco a Los Angeles, conquista il mondo delle corse fuoristrada!

Il gioco supporta le DirectX11.

dirt2 igp

 

10 frame separano la APU A10-5800K dalla precedente A8-3870K nel test eseguito a 1680x1050. Anche in questo caso la nuova soluzione permette di giocare in completa scioltezza a Colin McRae DIRT 2, guadagnandosi la vetta e superando addirittura i 45 frame al secondo, il doppio rispetto alle soluzioni Intel.


IGP – RESIDENT EVIL 5

 

Resident Evil 5, conosciuto in Giappone come BIOHAZARD 5, è un videogioco del genere survival horror, ed è l'ottavo capitolo della serie principale di videogiochi Resident Evil, è uscito per PlayStation 3 e Xbox 360. Il gioco, sviluppato e pubblicato da Capcom è ambientato undici anni dopo il disastro di Raccoon City, avvenuto nel 1998, e cinque dopo l'avventura di Leon Scott Kennedy in Spagna, che ha avuto luogo nel 2004. Nel 2009 Chris Redfield, ex membro della squadra speciale S.T.A.R.S., si è unito ad una compagnia che combatte il bioterrorismo, chiamata B.S.A.A. Viene inviato nel cuore dell'Africa, precisamente nella regione di Kijuju, ad indagare su una misteriosa minaccia bioterroristica. Li fa la conoscenza di una ragazza, Sheva Alomar, membro del ramo africano della B.S.A.A. I due scoprono presto gli orrori del luogo: i nativi di Kijuju sono stati infettati da un misterioso parassita, che li ha condannati a rimanere in uno stato permanente di furia omicida. I due agenti della B.S.A.A. affrontano quindi le orde di nemici, chiamati Majini, cercando allo stesso tempo di impedire la diffusione del parassita. Contemporaneamente Albert Wesker, ex capitano della S.T.A.R.S. e nemesi di Chris, si reca in Africa per collaborare con Excella Gionne, la proprietaria della compagnia farmaceutica Tricell. Wesker, aiutato da una misteriosa donna incappucciata che fa il lavoro sporco per lui, cerca di contrastare i piani della B.S.A.A., intento a dominare il mondo.

 

re dx9

 

re dx10

 

Anche in questo caso il divario si fa sentire registrando un aumento delle prestazioni del 15% circa alla risoluzione di 1280x1024 e del 30% circa alla risoluzione di 1680x1050.


IGP – THE LAST RENMANT

 

L'ultimo nato di casa Square-Enix consentirà al giocatore di mettersi nei panni di Rush Sykes, un ragazzo diciottenne in spasmodica attesa (con la sorella) del ritorno a casa dei genitori, famosi ricercatori impegnati oramai da anni in un progetto segreto. Di lì a poco, tuttavia, Irina (la sorella) verrà rapita da imprecisati quanto loschi figuri che lasceranno il povero Rush, che nel frattempo scopre di possedere un potere in lui, con un pugno di mosche. Sarà proprio la ricerca dell'adorata sorella, embrionale incipit dell'intera avventura, ad accompagnare il giovane eroe lungo un viaggio nel quale incontrerà esseri d'ogni specie, a volte amichevoli e sinceri a volte subdoli e malvagi. Come in ogni racconto fantasy che si rispetti protagonisti e comprimari saranno legati tra loro, in questo caso dai Remnant, potenti ed antichissimi artefatti capaci di tramutarsi -non senza un alto prezzo da pagare- in armi dall'indicibile potenza qualora legati ad un essere vivente dalle debite capacità.

 

tlr

 

Ecco nuovamente 10 frame/s che separano il primo posto occupato dal nuovo A10-5800K dal secondo ricoperto dall’AMD Llano A8-3870K. Come avete potuto vedere dai test effettuati in condizione di default notiamo un netto miglioramento delle prestazioni della grafica integrata che ci permette di passare momenti in compagnia di videogiochi senza dover rinunciare a buone prestazioni.

Attualmente l’A10-5800K è senza ombra di dubbio la miglior soluzione sul mercato avente scheda video integrata.

Visti i risultati proviamo ad aumentare i dettagli e ad aggiungere i test che solitamente effettuiamo sulle schede video dedicate; non ci aspettiamo grandi risultati ovviamente, ma siamo curiosi di vedere come si comporta questa soluzione integrata al cospetto delle soluzioni discrete e della rivale Intel HD 4000.


IGP/GPU – 3DMARK VANTAGE.

 

Benchmark sintetico sviluppato da Futuremark, richiede obbligatoriamente la presenza nel sistema di una scheda video con supporto alle API DirectX 10 e di un sistema operativo Windows Vista e 7. Il benchmark si compone di 6 distinti test: 4 incentrati sulla GPU e 2 sulla CPU. I test si eseguono scegliendo tra 4 preset configurati da Futuremark, caratterizzati da un livello di carico di lavoro differente, così da meglio riprodurre lo scenario tipico di utilizzo del proprio sistema a seconda del tipo di configurazione Hardware in uso. Il software consente di impostare la configurazione Entry, Performance, High e Extreme. I test sono stati fatti solo nella modalità Entry, Performance e High.

 

3d mark vantage

 

Notiamo subito che la soluzione integrata di AMD non va ad occupare l’ultima posizione ma, al contrario, si distacca di poche migliaia di punti dalla “dedicata” HD 6570 dotata anch’essa di 512MB di memoria.

L’Intel HD4000 risulta essere decisamente più lenta della soluzione AMD.


IGP/GPU – 3DMARK 2011

 

Ultimo benchmark prodotto da Futuremark, che richiede la presenza nel sistema di una scheda video con supporto alle API DirectX 11. La software house sviluppatrice afferma che i test sulla tessellation, l'illuminazione volumetrica e altri effetti usati nei giochi moderni rendono il benchmark moderno e indicativo sulle prestazioni “reali” delle schede video. 3DMark 11 Advanced Edition permette di impostare tre modalità di benchmark in DX11, Performance, High e Extreme. Il primo test, basato sullo scenario Deep Sea, non applica la tessellation ma fa uso di un sistema d'illuminazione e ombre marcato. Il secondo test, nuovamente fondato su Deep Sea, applica un livello di tessellation medio e riduce, anche in questo caso a livello intermedio, l'illuminazione. Il terzo test grafico, basato sullo scenario High Temple, ha un livello di tessellation medio e illuminazione ridotta. Il benchmark non sfrutta la tecnologia PhysX di Nvidia.

3d mark 2011

 

In questo caso l’AMD HD 7660D del nostro A10-5800K risulta essere più veloce della soluzione dedicata HD 6570, avvicinandosi alla sorella maggiore HD 6670.

Anche in questo caso la soluzione di Intel fa registrare valori decisamente più bassi.


IGP/GPU – UNIGINE HEAVEN 3.0

 

Unigine ha presentato l’ultima versione del suo benchmark DirectX 11 nei giorni scorsi, che permette agli utenti di provare la propria scheda video con le nuove librerie grafiche. Basato su motore Unigine, Heaven supporta schede video DirectX 11, DX 10, 9, OpenGL e il 3D Vision Surround di Nvidia.Il benchmark è stato testato in DX11 e con tessellation su Extreme.

 

unigine 3.0

 

In tal caso la nuova HD 7660D risulta essere leggermente più lenta della soluzione Intel; tali soluzioni, in linea tra esse, non sono paragonabili a quanto registrato dalle altre schede dedicate.


IGP/GPU – STONE GIANT 11

 

Benchmark sintetico realizzato da BitSquid in collaborazione con FatShark in grado di misurare le performance delle schede video dotate di support DirectX 11 ma compatibile anche in DirectX10 una volta disabilitata la funzione “Tessellation”.

 

stonegiant

 

Ancora una volta l’Intel HD4000 fa registrare 1 punto in più della HD 7660D. Tali soluzioni si avvicinano molto alla dedicata AMD HD 6570 da 512MB.

 


IGP/GPU – COMPUTE MARK

 

E' il primo benchmark che misura la capacità computazionale degli shaders in ambiente windows in DX 11 delle nuove vga. E' il primo benchmark only DX11.

computemark

AMD torna a dominare il settore IGP con la nuova HD 7660D, distaccando la soluzione di Intel di oltre 100 punti ed avvicinandosi nuovamente alla AMD HD 6570.

 


IGP/GPU – PLA BENCHMARK

Passion Leads Army, è uno shooter in prma persona sviluppato da una software house cinese in collaborazione con Nvidia. L'engine è basato sul noto motore grafuci Unreal Engine 3.

 

pla benchmark

 

Stessa identica situazione con PLA Benchmark; la soluzione integrata nella APU di AMD risulta più veloci delle altre soluzioni IGP, staccando di netto la soluzione integrata di Intel.

 


IGP/GPU – CRYSIS WARHEAD

 

CrysisWarhead è un videogioco sparatutto in prima persona di fantascienza, rilasciato nell'autunno 2008 in Italia. È l'espansione stand-alone di Crysis, sviluppato dalla Crytek di Budapest e pubblicato dalla Electronic Arts. Il gioco è ambientato in una storia parallela del primo episodio, e vedrà il giocatore vestire i panni del sergente Michael 'Psycho' Sykes, ex membro delle SAS inglesi, anche se la trama sarà quasi completamente diversa, dato che nel primo episodio Nomad lo incontra raramente. Come è intuibile dal nome, Psycho è un tipo completamente diverso da Nomad; mentre quest'ultimo è infatti dedito al sotterfugio, Psycho è un tipo d'azione, e avrà quindi un arsenale maggiore, oltre a veicoli personalizzati . Va infine detto che CrysisWarhead non fa parte della trilogia della serie, dato che il secondo episodio verrà sviluppato più avanti.

 

crysis warhead

 

Passiamo ai videogiochi e notiamo immediatamente come le performance della HD 7660D si facciano sentire se confrontate con altre soluzioni IGP o dedicate di fascia bassa.

In questa circostanza, con l’utilizzo di DirectX 10 in Crysis Warhead, la HD 7660D del nostro A10-5800K fa registrare oltre 15 FPS ad entrambe le risoluzioni, lasciandosi alle spalle la AMD HD 6570 di pochi punti e la soluzione integrata di Intel di oltre il doppio dei punti.

 


IGP/GPU – HARD RESET

 

Hard Reset è uno sparatutto in prima persona esclusivo per piattaforma PC, sviluppato da The Flying Wild Hog e pubblicato da Valve Corporation e 1C company nel settembre 2011. Hard reset si presenta come un FPS vecchia scuolasome Quake ed Unreal, con una campagna single player e caratterizzato per l'assenza del multiplayer. Il gioco è stato lanciato sul mercato con uno dei tratti caratteristici dei giochi indipendenti: il costo ridotto. Il titolo è la prima produzione della compagnia The Flying Wild Hog.

 

hardreset

 

In questo test, invece, i risultati registrati sono molto vicini; la HD 7660D rimane la soluzione più veloce tra le schede integrate.

 


IGP/GPU – MAFIA 2

 

Seguito del celebre “Mafia” prodotto da 2K Czech, Mafia 2 è uno sparatutto/free roaming in terza persona ambientato tra gli anni 1943 e 1951 nella città immaginaria di “Empire Bay” ispirata a Los Angeles, New York con influenze di Chicago e Detroit.

Il gioco è disponibile per PS3, X630, Computer e MAC OSX e offre pieno supporto alle DirectX10.

Per svolgere il benchmark basta scaricare gratuitamente la demo del gioco ed avviare il test.

 

mafia2

 

Ecco un altro test effettuato in DirectX10, anche in questo caso come in Crysis Warhead la IGP HD 7660D fa registrare un punteggio degno di nota a dettagli alti e con Filtro Anisotropico al massimo.

Le altre soluzioni integrate rimangono ben distaccate, soprattutto la Intel HD 4000, staccata di oltre 15 frame.

Anche in questa circostanza la scheda dedicata AMD HD 6570 viene superata e la sorella HD 6670 da 1GB di memoria è a soli 2 frame di distanza.

 


IGP/GPU – BATMAN ARKHAM CITY

 

Batman: Arkham City è un videogioco sviluppato da RocksteadyStudios basato sul personaggio dei fumetti di Batman, la cui uscita è avvenuta nel mese ottobre 2011. Il gioco è un mix di vari generi come azione, platform, picchiaduro, investigazione, avventura e stealth, ed è di fatto il sequel di Batman: ArkhamAsylum, uscito nel 2009 e diventato un enorme successo.

batman

 

Passiamo ai nuovi giochi dotati di DirectX11 e notiamo che il numero dei frame per secondo scende vertiginosamente, come era ovvio aspettarsi.

In questo caso la HD 7660D risulta essere più veloce delle altre soluzioni integrate ma solo di pochi punti.

 


IGP/GPU – S.T.A.L.K.E.R.: CALL OF PRIPYAT

 

S.T.A.L.K.E.R.: Call of Pripyat è uno sparatutto in prima persona di genere fantascientifico post-apocalittico, sviluppato da GSC Game World e pubblicato il 2 ottobre 2009 (5 febbraio 2010 in Europa). Costituisce il terzo capitolo della serie e si colloca cronologicamente dopo i fatti di S.T.A.L.K.E.R.: Shadow of Chernobyl, capostipite della saga. S.T.A.L.K.E.R.: Clear Sky, il secondo capitolo, ne è invece il prequel. Come i precedenti, anche S.T.A.L.K.E.R.: Call of Pripyat è stato sviluppato con l'engine proprietario X-Ray Engine. Un gruppo di Stalker ha raggiunto per la prima volta il cuore centrale di tutta la Zona, la Stazione Nucleare di Chernobyl. La situazione già grave nella Zona si complica e c'è il rischio concreto di una vera catastrofe. Una energia immensa sta cambiando in maniera anomala le zone, ci saranno ancora delle zone da considerarsi sicure ma per la maggior parte tutta l'area sarà ora piena di strane anomalie. Molti degli Stalker e degli altri abitanti della zona sono morti in seguito a questi cambiamenti, mentre nuove zone appaiono ovunque nel territorio. La Zona ora è particolarmente instabile, cosa fare per fermare le anomalie? Il gioco supporta le DirectX 10.1

 

stalker

 

In S.T.A.L.K.E.R. la situazione cambia ed i risultati ci mostrano una HD 7660D in grado di regalarci più frame di quanti non ne faccia una soluzione dedicata come la AMD HD 6670 da 1GB di memoria.

In questo caso la soluzione di AMD è quasi 2,7 volte più veloce dell’Intel HD 4000 che si guadagna il penultimo posto davanti alla AMD HD 6450.

 


IGP/GPU – BATTLEFIELD 3

 

Battlefield 3 è uno sparatutto in prima persona sviluppato da DICE e pubblicato da Electronic Arts e da SEGA per il Giappone. È stato pubblicato nel mese di ottobre 2011 per PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows e iOS, invece nel 2013 verrà pubblicato per Wii U. È l'undicesimo capitolo della serie Battlefield e un sequel diretto di Battlefield 2, pubblicato nel 2005.Battlefield 3 è stato vincitore di più di 60 premi, tra cui "Miglior gioco d'azione" e "Miglior multigiocatore online". Gli appassionati del genere conoscono molto bene questo gioco e lo hanno decretato come uno dei migliori sparatutto dle 2011.

 

battlefield

 

Anche in questa circostanza l’AMD HD 7660D del nostro Trinity risulta quasi due volte più veloce dell’Intel HD 4000 integrata nell’i7-3770K che si allinea con quanto registrato dall’IGP HD 6550D della precedente generazione Llano.

 


IGP/GPU – CRYSIS 2

 

Crysis 2 è uno sparatutto in prima persona sviluppato da Crytek e pubblicato da Electronic Arts per console PlayStation 3, Xbox 360 e PC Microsoft Windows. È il sequel di Crysis e della sua espansione CrysisWarhead, entrambi usci/p/litext-align: justify;Dirt 3è un gioco di rally della serie Colin McRae Rally, sviluppato e pubblicato da Codemasters. Il marchio ti soltanto per la piattaforma PC. Il rilascio di questo nuovo capitolo è stato nelmarzo 2011.Crysis 2 è ambientato nell'Agosto 2023, 3 anni dopo le vicende del precedente capitolo. Il protagonista è Alcatraz, un marine Statunitense il cui compito è trovare il Dottor Nathan Gould, che ha importanti informazioni sull'epidemia aliena che sta colpendo New York City.Il gioco, pur offrendo un'elevata qualità dell'immagine, è stato sottoposto a critiche nella sua versione per PC per non aver sfruttato le librerie DirectX 11 fin dalla sua uscita (limitandosi alla versione 9). Il 27 giugno sono usciti anche i due aggiornamenti gratuiti per abilitare le DirectX 11 e le texture in alta definizione.

crysis2 central park

 

crysis2 times square

Crysis 2 è da sempre considerato un gioco “pesante” per tutti i sistemi, anche se non come il primo capitolo.

In questa occasione notiamo come le performance dell’AMD HD 7660D si riducano drasticamente registrando valori che non superano i 13 frame e che si avvicinano molto alla precedente soluzione HD 6550D.

 


IGP/GPU – COLIN MCRAE DIRT 3

 

Dirt 3è un gioco di rally della serie Colin McRae Rally, sviluppato e pubblicato da Codemasters. Il marchio "Colin McRae"è stato rimosso da tutte le versioni di questo capitolo. Il gameplayimpegna il giocatore in una serie di gare che gli faranno guadagnare punti reputazione per attirare l'interesse degli sponsor, che lo ricompenseranno con nuovi veicoli messi a disposizione.

dirt3

Altro gioco che sfrutta le DirectX 11 ma che risulta decisamente meno pesante di Crysis 2.

In questo caso la scheda integrata nel Trinity ha fatto registrare un punteggio notevole; una media di 35 frame con dettagli massimi e risoluzioni elevate, alla stregua della Nvidia GTX 650 da 2 GB.

La soluzione Intel HD 4000 in questo caso viene polverizzata da AMD che fa registrare il triplo dei frame.

 


IGP/GPU – ALIEN VS PREDATOR

 

Alien vs Predator (AvP) è un videogioco sparatutto in prima persona sviluppato da parte di RebellionDevelopments, già autori di altri due titoli dedicati al franchise. Il gioco è stato pubblicato da SEGA. Il gioco propone al giocatore di interpretare una delle tre razze disponibili, ognuna con caratteristiche proprie: Marine, Predator e Alien. l'Alien ha visione grandangolare e può cadere da altezze indicibili senza il minimo danno ma, soprattutto, può camminare (e correre) sulle pareti e ciò cambia sensibilmente il modo in cui affrontare i quadri. All'inizio non è facile muoversi con scioltezza e rapidità passando da una parete verticale ad un soffitto come se nulla fosse; dopo pochi minuti iniziamo "a prenderci gusto"...Ecco un marine, un colpo di artigli in corsa ed il marine è morto. Facile. Ecco un altro marine, ci vede, gli corriamo incontro, ha il lanciafiamme. Bruciamo assieme. Ed ora il Predator.

 

AvP

 

In Aliev vs Predator la nostra HD 7660D fa registrare oltre 19 frame a 1680x1050 ed oltre 16 in fullHD mentre la controparte Intel si ferma a 9,16 e 7,99 frame alla massima risoluzione.

 

 


IGP/GPU – METRO 2033

 

Metro 2033 è un videogioco d'azione che combina elementi dei survival horror e degli sparatutto in prima persona. il gioco è basato sul romanzo Metro 2033 dello scrittore russo DmitryGlukhovsky. È stato sviluppato da 4A Games in Ucraina e pubblicato nel marzo 2010 per Xbox 360 e Microsoft Windows. Si è nella città di Mosca nell'anno 2033. In seguito ad una catastrofe nucleare, i sopravvissuti sono costretti a vivere nelle metropolitane della capitale russa, organizzati in stazioni simili a città stato. In quest'ultime si respira un'atmosfera opprimente e angosciante. Il buio cela molte insidie, tra le quali la frequente possibilità di imbattersi in mostruose creature che popolano le stazioni. La minaccia principale è rappresentata dai Tetri, definiti come i nuovi homines, "vincitori della battaglia per la sopravvivenza", e destinati ad ereditare la Terra.

 

metro 2033

 

Altro gioco che richiede risorse elevate e che fa registrare alla HD 7660D performance in linea con soluzioni dedicate quali HD 6570 e poco sotto la HD 6770 da 1GB.

 


IGP/GPU – F1 2011

 

F1 2011 è un videogioco di guida prodotto da Codemasters, basato sul Campionato mondiale di Formula 1 2011. È il seguito di F1 2010 ed è stato pubblicato nel settembre 2011 in Europa per PC, PlayStation 3 e Xbox 360. Il precedente capitolo è stato soggetto a numerosi bug e Codemaster ha promesso che in questa evoluzione sarebbero stati corretti. Nella versione 2011 sono state implementate le norme ufficiali del campionato F1.

f1 2011

In questa occasione la scheda integrata nell’APU AMD Trinity A10-5800K stacca la controparte Intel di 5 frame a 1680x1050 e 4 frame in FullHD.

 


IGP/GPU – SNIPER ELITE V2

 

Sniper Elite V2 è un videogioco  di tipo Tattico/Sparatutto con visuale in terza persona sviluppato da Rebellion Developments e pubblicato nel maggio del 2012 da 505 games su multipiattaforma: Xbox 360, PlayStation 3 e PC. Il gioco è un remake del primo Sniper Elite risalente al 2005.

Una novità molto particolare introdotta nel gioco è la X-Ray Kill Cam che si attiva quando il giocatore mette a segno un colpo particolarmente spettacolare. La telecamera segue il proiettile nel corso di un bullet time  mostrando la penetrazione durante il raggiungimento del colpo sul bersaglio nel momento in cui entra nelle carni del nemico, perforando eventualmente ossa e organi interni

sniper elite v2

 

Altro gioco che richiede un hardware dalle prestazioni elevate è Sniper Elite V2; in questa circostanza le prestazioni vanno in picchiata e i frame registrati dall’HD 7660D sono di poco superiori alla controparte Intel, praticamente impercettibili le differenze.

 

Con questi test grafici abbiamo dimostrato come la nuova HD 7660D sia una GPU integrata di tutto rispetto; in primo luogo abbiamo effettuato i test con dettagli medi con giochi in DirectX9/10 ed abbiamo registrato punteggi molto elevati, in secondo luogo ci siamo spinti oltre, aumentando i dettagli al massimo e dimostrando che in alcune situazioni tale soluzione è in grado di andare meglio di schede dedicate di fascia bassa che richiedono un investimento di denaro oltre a quello necessario per il processore.

Teniamo a precisare che, ovviamente, tale soluzione si sarebbe comportata decisamente meglio se non avessimo mantenuto i dettagli al massimo rendendo confortevole qualunque gioco. La 7660D si rivela dunque molto valida per il gaming, non per forza occasionale, ma ovviamente senza pretese di qualità e dettagli alti nei giochi più recenti.


OVERCLOCK

 

Dopo aver analizzato le performance della nuova APU AMD A10-5800K ed averle comparate con numerose soluzioni è giunto il momento di parlare di overclock.

Come accennato nella pagina riguardanti le caratteristiche tecniche il nuovo AMD A10-5800K è dotato di moltiplicatore sbloccato in entrambe le direzioni facilitando l’utente della pratica dell’overclock in quanto basterà modificare il moltiplicatore per salire di frequenza senza dover toccare la velocità di bus.

Ovviamente si andrà incontro ad un limite aggirabile, all’inizio, con l’overvolt, pratica che consente di sovra-alimentare la CPU per consentirle di rimanere stabile a determinate frequenze; questa è una procedura delicata e non conviene esagerare onde evitare danni alla CPU stessa. Durante i nostri test abbiamo utilizzato il dissipatore Antec Performance Max, più che sufficiente per placare i bassi consumi di Trinity, anche in overclock.

Pratichiamo quindi l’overclock sulla CPU modificando questi due parametri, moltiplicatore e voltaggio, senza spingerci però oltre i limiti di sicurezza.

La scheda madre che utilizziamo, la Gigabyte F2A85X-UP4 ci permette di modificare numerosi parametri direttamente dal suo UEFI BIOS, in maniera chiara e semplice.

 

bios  bios voltage

 

Dal menù apposito del BIOS manteniamo le impostazioni standard e modifichiamo manualmente il valore del moltiplicatore; nell'immagine in esempio abbiamo impostato il valore “45” che porta la frequenza del nostro AMD A10-5800K a 4.5GHz.

Successivamente entriamo nel menù relativo ai voltaggi da applicare alla APU, alla RAM ed alla scheda madre. Il valore di default è impostato a “1,27500V”, pian piano aumentiamo questo valore in base al moltiplicatore scelto.

bios3

 

Una volta riavviato il sistema se entriamo nuovamente nel bios troviamo un riassunto delle impostazioni, notiamo i 4495Mhz dati dal bus @default di 100MHz e dal moltiplicatore impostato a 45.

Eseguiamo questa procedura passo passo, aumentando il moltiplicatore di un valore alla volta, successivamente entriamo in Windows e vediamo se riusciamo ad effettuare un test con Cinebench 11.5.

 

cpuz42  cpuz44  cpuz45  cpuz46

 

Siamo riusciti a portare la frequenza dell'A10-5800K a 4600MHz ma, nonostante si riesca ad entrare in Windows, il sistema non riesce a finire Cinebench 11.5 crashando prima.

Impostando il moltiplicatore a 45 ed overvoltando il processore fino ad un valore di 1,476V , invece, il sistema riesce perfettamente ad effettuare il test e risulta stabile.

 

cine11oc

 

Notiamo che il miglioramento delle perfomance non è netto e il margine è esiguo; il precedente A8-3870k overclockato a 3.7GHz ha fatto registrare un valore decisamente superiore.

Passiamo ora alla parte grafica, da BIOS portiamo la frequenza della HD7660D a 900MHz, il massimo con cui siamo riusciti a lanciare e chiudere il 3DMark Vantage.

bios igp  3dmarkoc

Abbiamo provato ad aumentare ulteriormente la frequenza della IGP ma il sistema non risultava stabile e non ci è risultato possibile entrare in Windows.

Anche in questo caso i miglioramenti portati dall'overclock della vga, in accoppiata all'overclock della CPU non sono molto rilevanti.

In conclusione la nuova APU AMD A10-5800K offre discreti margini di overclock ma i risultati registrati non si distaccano molto da quelli di base rendendo questa pratica, in questo caso, non molto utile.


CONSUMI

 

Altro aspetto fondamentale che caratterizza queste APU è il consumo ridotto.

Abbiamo registrato il consumo in tre fasi differenti, in Idle, con il sistema completamente a riposo, in Full CPU, ovvero con un carico del 100% del processore e in Full Load completo, mettendo sotto stressi sia la IGP che la CPU.

 

consumi

 

Come possiamo notare i consumi sono in linea con le precedenti soluzioni della famiglia Llano, questo è dovuto soprattutto alla stesso processo produttivo a 32nm ed al TDP massimo molto simile tra le due famiglie di prodotti.

Notiamo però che in fase di stress della componentistica la nuova soluzione fa registrare consumi leggermente più elevati rispetto alle “vecchie” scelte.


CONCLUSIONI

 

argento

 

Prestazioni  4,5 stelle - copia 2  Decisamente interessanti le prestazioni grafiche della 7660D, ma abbastanza deludenti quelle dei core Piledriver 
Efficienza  4,5 stelle - copia 2  Decisamente buona l’efficienza generale in ottica gaming. Per il resto AMD paga il ritardo tecnologico sul processo produttivo, ancorato ancora ai 32nm. 
Overclock  3,5 stelle - copia  Overclock poco entusiasmante sulle nuove Trinity. Il Turbo Core spreme già al meglio le nuove APU. 
Prezzo  4 stelle  Il prezzo di poco superiore alle precedenti soluzioni Llano si fa ancor più interessante per tutti coloro che vogliono assembalre un PC low cost. 
Overall  4,5 stelle - copia 2 

 

 

Dopo mesi di inattività sul mercato AMD torna alla ribalta lanciando le nuove APU della famiglia Trinity ed il nuovo Socket FM2 in grado di ospitare la nuova generazione di processori aventi IGP e la futura categoria Athlon.

Il nuovo AMD A10-5800K risulta essere più performante delle vecchie soluzioni Llano per quanto riguarda l’ambito gaming e si conferma leader incontrastato tra le varie soluzioni dotate di IGP.

Intel, infatti, non è in grado di raggiungere tali performance con la sua HD4000 che risulta quindi non adatta per chi cerca una soluzione economica che permetta lo svago video ludico.

In ambito lavorativo, però, non possiamo dire altrettanto; i risultati registrati nei test effettuati sulla CPU, infatti, dimostrano come la nuova soluzione non si discosti molto dalla precedente che a volte risulta esser più veloce nonostante la frequenza inferiore. D’altro canto, AMD, non potendo sfruttare un nuovo processo produttivo, è riuscita a lasciare più spazio al comparto grafico, sacrificando un po’ di spazio per i core della CPU, grazie all’architettura modulare introdotta con le CPU Bulldozer. I 4 core fisici Piledriver hanno ancora IPC inferiore alle precedenti soluzioni, ma le maggiori frequenze di esercizio permettono di bilanciare il distacco.

In overclock la nuova APU si comporta bene ma anche in questo caso le migliorie non sono concrete, rendendo questa pratica pressoché inutile al fine delle prestazioni.

Il processo produttivo a 32nm non aiuta i consumi che risultano essere leggermente superiori rispetto alle soluzioni Llano precedentemente analizzate.

Nonostante questi aspetti negativi, però, questa APU risulta vincente in quanto fortemente equilibrata e perfetta per chi cerca una soluzione economica; ricordiamo il prezzo di circa 120€, in grado di regalarci qualche momento di divertimento spassionato con i videogame. Un PC per giocare, grazie a Trinity si potrà acquistare con poco più di 300€!

In conclusione se volete spendere poco e utilizzare il computer in ambito general-purpose senza rinunciare a qualche gioco l’AMD Trinity A10-5800K è la soluzione che fa per voi!

 

Pro

  • Prestazioni IGP
  • Prezzo contenuto
  • Prestazioni bilanciate
  • Consumo
  • Margine overclock

Contro

  • Prestazioni CPU non migliorate
  • Consumo non migliorato
  • Prestazioni in overclock

 

 

Ringraziamo AMD per il sample fornitoci

 Angelo Ciardiello