Notice: Undefined offset: 97 in /var/www/vhosts/xtremehardware/new.xtremehardware/libraries/src/Access/Access.php on line 608

Notice: Trying to get property 'rules' of non-object in /var/www/vhosts/xtremehardware/new.xtremehardware/libraries/src/Access/Access.php on line 608

Notice: Undefined offset: 97 in /var/www/vhosts/xtremehardware/new.xtremehardware/libraries/src/Access/Access.php on line 613

Notice: Trying to get property 'rules' of non-object in /var/www/vhosts/xtremehardware/new.xtremehardware/libraries/src/Access/Access.php on line 613

Tags: reviewrecensioneAsrockrgbAURAZ270 TaichiIR 35201

ASRock Z270 Taichi 9

Con ASRock ci eravamo lasciati con la scheda madre della serie Z270 di Intel recensita ovvero la Z270 Extreme4 (QUI la recensione). Oggi proseguiamo il viaggio delle recensioni di schede madri con PCH Z270 con un’altra ASRock e precisamente con il modello Z270 Taichi. Questa innanzitutto presenta un design sicuramente particolare e che abbiamo già potuto vedere con la sorella con PCH X99 oltre ad offrire sempre interessanti prestazioni nonché caratteristiche come sistema RGB AURA, 12 fasi di alimentazione, comparto audio Purity Sound 4, duplici porte LAN Gigabit Intel e molto altro che potrete leggere nel corso della recensione odierna.

asrock logo

Al contrario di brand come ASUS, GIGABYTE o MSI, ASRock focalizza i propri sforzi quasi esclusivamente nel mercato delle schede madri. Grazie a questo costante impegno, è quindi riuscita a creare schede madri dall’ottimo rapporto qualità/prezzo, per la gioia dei gamer, degli overclockers, ma anche degli assemblatori di server e sistemi embedded. Tra i tanti modelli a catalogo, la serie Extreme è da anni apprezzata per le sue capacità di overclock per l’utilizzo quotidiano unita all’ottimo rapporto qualità/prezzo. Negli ultimi anni, grazie alla collaborazione con l’overclocker Nick Shih, ASRock è riuscita catturare l’attenzione anche di coloro che fanno overclock estremo: la serie OC, con la sua caratteristica livrea giallo-nera, si è distinta nelle competizioni di overclock, riuscendo a contrastare persino la serie ROG di ASUS.

Con la nuova serie 200, ASRock amplia maggiormente la gamma con nuove schede madri serie Extreme, Fatal1ty, Killer, Pro, Taichi e SuperCarrier.


In questo paragrafo come di consueto analizzeremo velocemente le caratteristiche di cui si compongono le diverse schede madri. Oggi è il turno della ASRock Z270 Taichi; vediamo quali sono le principali caratteristiche che la compongono.

ASRock VR Ready

Ora che la realtà virtuale è diventata realtà tutti i maggiori produttori di componenti elettronici si stanno fiondando al supporto e all’ottimizzazione di questa nuova tecnologia. ASRock come altri brand non è da meno e le sue schede madri tra cui la Z270 Extreme4 sono pienamente compatibili a livello Hardware, Driver e Software.

ASRock VR Ready

ASRock AURA

Al pari della controparte ASUS anche ASRock propone la sua versione AURA per personalizzare l’illuminazione delle proprie schede madri compatibili. La ASRock Z270 Taichi è dotata di una serie di LED e del relativo software per gestire e personalizzare l’illuminazione RGB nonché del classico Header a cui collegare una striscia a LED. Come vedremo più avanti il Software o Utility che dir si voglia non sarà l’unico modo per gestire l’illuminazione. Al pari di un eseguibile in ambiente Windows, ASRock ha implementato la possibilità e pari gestione anche da BIOS.

Aura

ASRock Purity Sound 4

ASRock giunge alla quarta versione del suo comparto Audio Purity Sound. Basato su un chip Realtek ALC1220 e affiancato da un OP-AMP TI NE5532 della Texas Instruments nonché corredato da condensatori Nichicon Gold per ottenere le migliori prestazioni sonore per un circuito Audio integrato.

ALC1220

Dual Band 802.11ac WiFi

La ASRock Z270 Taichi viene dotata di un modulo WiFi Dual Band 802.11ac e relative due antenne per offrire anche una connessione senza fili ad alte prestazioni. In più avremo un modulo Bluetooth.

WiFi 802.11ac

Triplo Slot Ultra M.2

Sempre più schede madri stanno integrando più di uno slot per SSD in formato M.2 per ottenere le massime performance anche lato Storage. La ASRock Z270 Taichi arriva a dotarsi di ben tre slot Ultra M.2 in grado di supportare i relativi SSD con standard dimensionale massimo 22100 e spingere il transfare rate teorico fino a 32Gb/s.

Triplo M.2

ASRock Steel Armor

Altro standard sempre più impiegato nelle schede madri odierne sono i rinforzi in acciaio relativi gli slot PCI-E principali per evitare qualunque problema relativo al peso o una forzata installazione della scheda video.

Steel Armor PCI

ASRock HB Bridge SLI

Con la ASRock Z270 Taichi e con altre schede madri di fascia medio alta dotate di slot PCI-E per eseguire una configurazione Multi-GPU troveremo in bundle un ponte HB SLI per raddoppiare la banda passante e le prestazioni con schede video di recente generazione (NVIDIA Serie 10).

ASRock HB SLI

Intel Optane Ready

Anche la ASRock Z270 Taichi è compatibile e pronta ad ospitare i nuovi moduli e memorie Intel Optane su slot M.2 per accelerare ulteriore il Transfar Rate e ottenere prestazioni ancora maggiori gli attuali SSD M.2.

Intel Optane

Dual Intel LAN

La ASRock Z270 Taichi viene dotata di ben due porte Gigabit Intel (I219V e I211AT) che permettono la funzione di Teaming raddoppiando con una singola connessione le prestazioni generali della rete.

Intel LAN

ASRock Super Alloy Series

La ASRock Z270 Taichi al pari delle precedenti e attuali schede madri si caratterizza per la presenza di componentistica in grado di assicurare maggiore stabilità, prestazioni e affidabilità in situazioni di utilizzo default o In Overclock grazie a condensatori Black allo stato solido da 12K, 12 fasi di alimentazione, induttanze da 60A e molto altro ancora.

Super Alloy

A seguire trovate le specifiche tecniche della ASRock Z270 Taichi:

Specifiche 1

 

Specifiche 2

 

Specifiche 3

 

Specifiche 4

 

Specifiche 5

 

Specifiche 6

 

Specifiche 7

Per ulteriori informazioni a caratteristiche o dettagli vi rimandiamo al sito ASRock:

http://www.asrock.com/mb/Intel/Z270%20Taichi/


Ed ecco che siamo giunti ad una nuova generazione, per l’esattezza la settima, di processori Intel. Dopo l’anno di Skylake siamo giunti all’anno di Kaby Lake suo fratello per certi versi maggiore. In questo paragrafo metteremo, velocemente a confronto, alcuni dati tra le due generazioni e piattaforme. La piattaforma ‘’base’’ sarà sempre su socket LGA1151 ma con PCH rinnovato e diverso. Avremo da un lato Skylake con il PCH Z170 e dall’altro Kaby Lake con il PCH Z270 prendendo in esame il segmento Mainstream.  Le CPU sono e saranno sempre realizzate con un processo produttivo a 14 nm e saranno ‘’intercambiabili’’ le une alle altre piattaforme (dicasi schede madri).

Riportiamo a seguire i Diagram Block di Intel PCH Z170 e Intel PCH Z270:

Intel PCH Z170

z170 chipset block diagram rwd

Intel PCH Z270

z270 chipset block diagram rwd

Velocemente osserviamo come quasi il 90% degli aspetti principali tra le due piattaforme sia rimasta invariata, anche perché Kaby Lake è a tutti gli effetti solo un affinamento di Skylake. Abbiamo dei miglioramenti a favore di Kaby Lake e PCH Z270 lato supporto memorie con, ora, un supporto nativo alla frequenza di 2400 MHz invece dei 2133 MHz e un numero di linee PCI-E Gen 3.0 collegate che sale da 20 a circa 24 con, si spera, un incremento in configurazioni Multi-GPU.

Passando ai dati tecnici riportiamo per una più semplice e veloce comprensione una tabella comparativa tra le quattro principali CPU Skylake/Kaby Lake. Parliamo della famiglia Core i5 con il 6600K e il 7600K e la famiglia Core i7 con il 6700K e il 7700K.

Comparazione Sky Kaby 1

 

Comparazione Sky Kaby 2

 

Comparazione Sky Kaby 3

 

Comparazione Sky Kaby 4


La ASRock Z270 Taichi ci verrà consegnata nella consueta confezione di cartone a doppio involucro. La grafica esterna è come sempre stata ammodernata e rimanda subito, con lo schema di colori Nero/Bianco allo stile di vita e filosofia dell’Yin e Yang. Sulla confezione in ambo i lati principali troveremo diverse informazioni e alcune immagini.

ASRock-Z270-Taichi-1  ASRock-Z270-Taichi-2

Sul lembo di apertura troveremo ulteriori informazioni.

ASRock-Z270-Taichi-3

Aperta la confezione possiamo procedere ad estrarre tramite la maniglia in plastica l’ulteriore packaging di cartone. Riportato il nome del brand in bella vista.

ASRock-Z270-Taichi-4

Aprendo questa ulteriore confezione troveremo il bundle diviso dalla scheda madre da una sagoma di cartone.

ASRock-Z270-Taichi-5

Estraendo tutto dalla confezione avremo:

  • Scheda Madre ASRock Z270 Taichi
  • 4x cavi SATA
  • 1x HB bridge SLI (2-Way)
  • 1x SLI bridge (2-Way)
  • 3x Viti per SSD M.2
  • 2x Antenne Wi-Fi
  • 1x Adesivo ASRock
  • I/O Shield
  • Manuale Utente
  • 1x DVD contenente driver e software

ASRock-Z270-Taichi-6  ASRock-Z270-Taichi-7

Bundle completo.


Con uno schema di colori simile alla serie Extreme4 la serie Taichi (caratterizzata dai modelli Z270, X99 e X370) offre un design sicuramente particolare ma anche elegante. Il giusto equilibrio dei colori Nero e Bianco rendono tale scheda madre o schede madri se considerati gli altri socket un’interessante scelta anche in ottica Modding o creazione di una Build a tema Nero/Bianco. La serie Taichi grazie a un particolare design del PCB rimanda subito la mente dei più alla filosofia e allo stile di vita dell’Yin e Yang ovvero un perfetto equilibrio tra due aspetti quasi sempre opposti. Insomma senza dilungarci troppo su un campo totalmente differente inutile negare il buon livello di design svolto da ASRock per avere un prodotto prestazionalmente valido ma anche diverso dalle già attuali e conosciute serie come la Extreme o la Fatal1ty (che vedremo a breve). Il modello Z270 Taichi avrete già visto essere una scheda madre nel classico formato ATX.

ASRock-Z270-Taichi-8  ASRock-Z270-Taichi-9  ASRock-Z270-Taichi-10

Partendo sempre e inizialmente dalla zona socket possiamo osservare gli Heatsink in formato XXL in alluminio, collegati tra di loro da una heat pipe in rame nickelata, che andranno a dissipare le fasi di alimentazione della scheda madre oltre che completare l’aspetto estetico e design. Velocemente notiamo come il dissipatore di sinistra sia dotato anche di un ulteriore ‘’cover’’ in alluminio questa volta liscio. Insomma seguendo il design presente sul PCB ASRock ha fatto le cose fatte bene.

ASRock-Z270-Taichi-11

Da notare anche per la ASRock Z270 Taichi la presenza di una cover in plastica per le porte I/O della scheda madre. A differenza di altri modelli questa non avrà un’estensione fino agli Heatsink della zona socket.

Per accedere subito al circuito di alimentazione dovremo svitare quattro viti a molla che terranno i due Heatsink.

ASRock-Z270-Taichi-30

Rimossi gli Heatsink ma anche le cover I/O e circuito audio possiamo osservare nella totalità il PCB della scheda madre.

Andiamo comunque a focalizzarci sul circuito di alimentazione.

ASRock-Z270-Taichi-42

Circuito caratterizzato da 12 fasi di alimentazione (CPU + iGPU), seppur contiamo 14 VRM (2 RAM). Fasi gestite da un valido controller digitale PWM IR nel modello 35201. Questo in abbinamento a condensatori polimerici Nichicon Black da 12K e induttanze che riescono a supportare una corrente fino a 60 Ampere. Più che sufficienti per un Overclock Medio-Alto anche con processori Kaby Lake. Insomma la Taichi offre un circuito di tutto rispetto specialmente se paragonato ai controller PWM di altri modelli.

ASRock-Z270-Taichi-47  ASRock-Z270-Taichi-48

Dettaglio controller.

ASRock-Z270-Taichi-49

Dettaglio MOSFET.

ASRock-Z270-Taichi-50

La ASRock Z270 Taichi al solito dovrà essere alimentata da un connettore 8 Pin EPS in alto a sinistra.

ASRock-Z270-Taichi-12

E un classico 24 Pin ATX.

ASRock-Z270-Taichi-13

In tale zona troviamo anche ben due Header USB 3.0 per il case oltre ad una porta USB 3.0 in posizione verticale per coloro che usano un Bench Table e volessero anche ed eventualmente flashare il BIOS in maniera più agevole.

ASRock-Z270-Taichi-14

Nella zona a destra del connettore ATX 24 Pin possiamo osservare uno switch per abilitare il caricamento del profilo XMP per le RAM.

ASRock-Z270-Taichi-15

Nell’immagine a seguire invece osserviamo i quattro slot per RAM DDR4 fino ad una frequenza in OC di 3733 MHz supportata dalla Z270 Taichi.

ASRock-Z270-Taichi-16

Ora proseguendo verso il lato destro del PCB troviamo le porte SATA e precisamente 10x SATA III di cui due ‘’convertibili’’ a SATA Express.

ASRock-Z270-Taichi-17

Spostandoci ora verso l’alto osserviamo l'Heatsink adibito alla dissipazione del chip PCH Z270. Anche tale Heatsink in alluminio presenta un ulteriore cover liscia e di colore bianco con qualche dettaglio a completare, nella parte bassa, il design del PCB.

ASRock-Z270-Taichi-18

L’angolo destro del PCB è caratterizzato dagli Header per le porte frontali del case, di un Debug LED, di due chip SOP8 saldati per il BIOS e non DIP8 come possibile osservare dalla predisposizione sul PCB. Non manca un Header per striscia a LED RGB a 12V.

ASRock-Z270-Taichi-19

Proseguendo nella zona bassa del PCB osserviamo gli ulteriori Header per porte USB, TPM, HD Audio e quant’altro.

ASRock-Z270-Taichi-20  ASRock-Z270-Taichi-21

Giungiamo così nel lato sinistro del PCB. Qui troviamo il circuito audio Purity Sound 4 presente sulla Z270 Taichi. Immancabile una cover in plastica.

ASRock-Z270-Taichi-22  ASRock-Z270-Taichi-23

Rimuovendo tale cover che risulterà in comune a quella per le porte I/O, svitando un paio di viti nel lato inferiore, potremo accedere al PCB e al circuito stesso.

ASRock-Z270-Taichi-31

Troveremo un classico chip Realtek ALC1220 a cui si aggiungono cinque condensatori Nichicon Gold ed un chip OP-AMP TI NE5532 della Texas Instruments che potrà offrire buone prestazioni audio.

ASRock-Z270-Taichi-32

Da tale circuito giungiamo così alle porte poste nel retro della scheda madre ASRock Z270 Taichi dove troviamo più precisamente:

  • 1x PS/2 per Mouse/Tastiera
  • 1x Tasto Clear CMOS
  • 1x HDMI
  • 1x Display Port 1.2
  • 1x USB 3.1 Type-C
  • 1x USB 3.1 Type-A
  • 4x USB 3.0
  • 2x RJ-45
  • 1x S/PDIF
  • 5x Jack Audio 7.1 (Connettori placcati oro)
  • 1x Modulo WiFI 802.11ac + Bluetooth V4.0

ASRock-Z270-Taichi-24

Insomma buona dotazione anche lato connettività rete.

Passiamo ora al centro della ASRock Z270 Taichi dove troveremo:

  • 1x Slot PCI-E x1
  • 4x Slot PCI-E x16 di cui tre con Steel Armor
  • 3x Slot Ultra M.2 con supporto a SSD M.2 fino a 2280

ASRock-Z270-Taichi-25

Dettaglio slot Ultra M.2

ASRock-Z270-Taichi-26  ASRock-Z270-Taichi-27  ASRock-Z270-Taichi-28

Il retro del PCB dove osserviamo meglio i fori per gli standard M.2 e alcuni chip che vedremo a breve.

ASRock-Z270-Taichi-29

A seguire alcuni dei chip di gestione e controllo presenti sulla ASRock Z270 Taichi.

Chip Audio Realtek ALC1220.

ASRock-Z270-Taichi-32

Chip ASMedia ASM1184e per slot PCI-E x1

ASRock-Z270-Taichi-34

Chip rete Intel I211AT

ASRock-Z270-Taichi-33

Chip rete Intel I219V

ASRock-Z270-Taichi-36

Chip ASMedia ASM1074 per controller HUB 3.0

ASRock-Z270-Taichi-37

Chip ASM1480 switch linee PCI-E

ASRock-Z270-Taichi-39

Chip IDT 6V41642B Hyper BCLK Engine II

ASRock-Z270-Taichi-41

Chip Nuvoton NCT6791D Sensori

ASRock-Z270-Taichi-43

Chip ASMedia ASM1061 Porte SATA

ASRock-Z270-Taichi-45

Passiamo a dare un veloce sguardo al Software/Utility AURA di ASRock.


Come già accennato anche la nuova serie 200 di schede madri ASRock è stata dotata di un sistema AURA (perlomeno i modelli di fascia media e superiore). Come notiamo ASRock ha utilizzato il nome, AURA, già ampiamente utilizzato da ASUS. Deduciamo che l’utilizzo del nome AURA, non sotto Copyright, sia relativo al tipo di illuminazione, in questo caso RGB.

Per gestire l’illuminazione della scheda madre ci basterà dunque scaricare il software/utility dalla pagina relativa la scheda madre, installarlo ed avviarlo. Operazioni veloci e pratiche.

Una volta avviato ci troveremo dinanzi una grafica semplice ed immediata. Avremo la possibilità non solo di attivare o disattivare l’illuminazione ma anche di scegliere quale zona volere illuminare e di che colore. Eventualmente potremo linkare tutte le zone dello stesso colore.

ASRock-AURA-Taichi-1  ASRock-AURA-Taichi-2

Potremo inoltre selezionare un effetto tra quelli disponibili (Static, Breathing, Strobe, Cycling, Random, Music, Wave) e relare la velocità per quegli effetti non Statici.

ASRock-AURA-Taichi-3

Gestione immediata e davvero pratica come sempre.


Passiamo infine al BIOS UEFI della ASRock Z270  Taichi. Appena entrati nel BIOS ci troveremo dinanzi la ‘’EasyMode’’. Qui come sempre avremo tutte le impostazioni ed i valori principali a portata di mano. Notiamo come ASRock abbia leggermente svecchiato la grafica di tale interfaccia. Anche la modalità avanzata ha subito dei cambiamenti sotto l’aspetto grafico richiamando perfettamente lo stile e design Taichi.

ASRock-Z270-Taichi-BIOS-1

Per passare alla modalità ‘’Advanced Mode’’ dovremo premere il tasto F6.

I Menù principali che troveremo saranno sempre 8 e cioè ‘’Main’’, ‘’OC Tweaker’’, ‘’Advanced’’, ‘’Tool’’, ‘’H/W Monitor’’, ‘’Security’’, ‘’Boot’’, ed infine ‘’Exit’’. Nel primo Menù ovvero ‘’Main’’ avremo un riassunto sul tipo di processore avremo installato e la quantità e frequenza attuale dei moduli RAM installati nonché in quali slot. Non manca la voce ‘’My Favorite’’ dove potremo salvare eventuali impostazioni e profili di OC.

ASRock-Z270-Taichi-BIOS-2

Nel Menù ‘’OC Tweaker’’ potremo finalmente modificare voltaggi, impostazioni e settaggi ed impostazioni sia della CPU sia delle RAM. Troviamo diversi sottomenù contenenti appunto vari settaggi ed impostazioni avanzate utili ad affinare o stabilizzare un eventuale Overclock. Potremo come sempre salvare le impostazioni scelte in diversi profili da poter caricare all’occorrenza. Navigando tra i diversi sottomenù osserviamo come la frequenza massima impostabile per quanto riguarda le RAM è di 4133MHz oltre che la voce FCLK riguardante il modo con cui la Grafica integrata della CPU conosciuta come GT comunica con la CPU stessa ovvero con i Core. Settaggi impostabili da un minimo di 600MHz ad un massimo di 1GHz, di default è impostato a 800MHz. Troveremo anche dei Profili di Overclock preimpostati per Bootare subito alla frequenza desiderata.

ASRock-Z270-Taichi-BIOS-3  ASRock-Z270-Taichi-BIOS-4  ASRock-Z270-Taichi-BIOS-5  ASRock-Z270-Taichi-BIOS-6  ASRock-Z270-Taichi-BIOS-7  ASRock-Z270-Taichi-BIOS-8  ASRock-Z270-Taichi-BIOS-9  ASRock-Z270-Taichi-BIOS-10  ASRock-Z270-Taichi-BIOS-11

Proseguiamo con il Menù ‘’Advanced’’ dove troviamo diversi sottomenù relativi al chipset, alla CPU (come i risparmi energetici), allo Storage, dotazione di porte, USB e quant’altro. Anche da questi sottomenù potremo agire su diverse voci per preferire un sistema performante al massimo o parsimonioso durante inattività. Troviamo tutte le voci che troviamo di generazione in generazione e scheda madre in scheda madre.

ASRock-Z270-Taichi-BIOS-12  ASRock-Z270-Taichi-BIOS-13  ASRock-Z270-Taichi-BIOS-14  ASRock-Z270-Taichi-BIOS-15  ASRock-Z270-Taichi-BIOS-16  ASRock-Z270-Taichi-BIOS-17

Passiamo ora a ‘’Tool’’ una ‘’collezione’’ di funzioni utili a segnalare errori ad ASRock direttamente dal BIOS previa connessione ad Internet, o ancora aggiornare il BIOS da Internet, scaricare i driver relativi al sistema operativo che abbiamo installato o ancora creare in modo sicuro e veloce un RAID. Alcune voci come la segnalazione di errori e l’aggiornamento del BIOS direttamente dal BIOS stesso sono esclusive di ASRock. Troviamo anche, come vi accennavamo, il pannello AURA RGB LED, replica esatta del software per Windows, con cui potremo gestire l’illuminazione RGB direttamente da BIOS.

ASRock-Z270-Taichi-BIOS-18  ASRock-Z270-Taichi-BIOS-19

Passiamo a ‘’H/W Monitor’’ dove troveremo tutti i parametri quali temperatura CPU, velocità ventole, voltaggi e così via. Nella OC Formula non mancano nemmeno i sensori di temperature circa i Mosfet. Suggeriamo comunque di installare il tool proprietario A-Tuning di ASRock per rilevare al meglio le temperature.

ASRock-Z270-Taichi-BIOS-20

Segue il Menù ‘’Security’’ dal quale potremo impostare una password per impedire un accesso indesiderato al nostro sistema.

ASRock-Z270-Taichi-BIOS-21

Gli ultimi due Menù sono ‘’Boot’’ dal quale potremo impostare ed organizzare la priorità di Boot delle periferiche collegate in questo caso SSD, Pen drive e così via ed il Menù ‘’Exit’’ dal quale potremo richiamare un profilo precedentemente salvato, reimpostare impostazioni di default in caso di problemi o salvare/ annullare le modifiche apportate nel BIOS.

ASRock-Z270-Taichi-BIOS-22  ASRock-Z270-Taichi-BIOS-23


Abbiamo effettuato i nostri test con la classica piattaforma Intel LGA 1151, con CPU dotata di architettura Skylake i7-6700K in quanto non ci è stato fornito ancora e in tempo un processore Kaby Lake atto anche a creare una nuova comparativa. Nel dettaglio:

sistema

Abbiamo testato le prestazioni ASRock Z270 Taichi con due diverse impostazioni:

  • CPU a default e RAM ad una frequenza di poco superiore alle specifiche Intel (2133 MHz)
  • CPU in overclock @ 4,6 GHz ottenuto tramite overclock automatico e RAM @ 3466 tramite profilo XMP

A seguire la lista di software utilizzati:

  • 3D Mark 13 Fire Strike
  • Aida64
  • WinRAR
  • Cinebench R15
  • wPrime

3Dmark 13

Versione più recente (2013) nonché il punto di riferimento dei test grafici in ambito DirectX 11 è prodotto dalla Futuremark per misurare le prestazioni del comparto hardware grafico. Include 3 diversi benchmark (IceStorm, CloudGate e FireStrike) progettati per una tipologia specifica di hardware, dagli smartphone alle potenti schede grafiche di ultima generazione. La versione utilizzata FireStrike, compatibile solo con il sistema operativo Windows, fa un uso non intensivo delle librerie grafiche Microsoft DirectX 11.1 ed effettua calcoli sia di tipo grafico che della fisica degli oggetti e misto. Al termine restituisce una media dei valori ottenuti sui singoli test che andranno a contribuire sul valore finale. Più alto è questo valore più performante è il sistema utilizzato.

3DMark

Aida64

Aida64 è un software prodotto dalla FinalWire che consente di monitorare il sistema fornendoci informazioni dettagliate sulla componentistica hardware. Il software comprende al suo interno un utility di bench in grado di testare la memoria e i vari stadi di cache presenti all’interno del processore. I valori restituiti da entrambe le versioni si sono dimostrati abbastanza reali e veritieri e rispecchiano la tendenza crescente proporzionale alla frequenza di lavoro del kit, per cui il tool beneficia della maggiore frequenza di lavoro delle RAM.

AIDA64 1

 

AIDA64 2


WinRAR

WinRAR, famoso software di compressione e decompressione di archivi di dati. Al suo interno è presente una utility di benchmark che comprime un file standard atto a tale scopo; il software provvede a restituire il valore di compressione espresso in KB/s. Il grafico rispecchia la tendenza del software a beneficiare maggiormente della frequenza di lavoro delle memorie.

winrar

Cinebench R15

Software prodotto dalla Maxon nell’ultima versione, permette tramite l’elaborazione di immagini e di contenuti tridimensionali di testare le performance della CPU. Il test della CPU è stato eseguito utilizzando tutti i core presenti all’interno del processore. Quest’ultima release utilizza il motore di rendering Cinema 4D. Come si evince dal grafico, i valori alle varie frequenze sono pressoché identici.

Cinebench

wPrime

wPrime è un benchmark multi-threaded in versione freeware che permette di testare il sistema, ed in particolare la cpu, ad eseguire il calcolo della radice quadrata di una enorme quantità di numeri (fino a 32 miliardi) con un algoritmo basata sulla programmazione multithread. wPrime può essere eseguito in modalità 32M (performance test) o 1024M (stability test), a seconda del numero di thread configurati per l'esecuzione dei calcoli. I valori ottenuti possono essere salvati e condisivisi on line. Inoltre la compatibilità e l'identificazione alla piattaforma ed hardware sono assicurate dall'integrazione del codice del conosciuto CPU-Z. Test eseguito a 32M.

wPrime


Siamo passati alla fase di overclock della nostra CPU Intel i7-6700K installata nella ASRock Z270 Taichi.

Da tempo le schede madri integrano tools di overclock automatico che permettono agli utenti meno smaliziati di aumentare le prestazioni del proprio PC senza preoccuparsi troppo dei vari settings a disposizione nel BIOS. La ASRock Z270 Taichi ci mette a disposizione diversi profili fino alla frequenza di 4.8 GHz.

Per le prove di overclock manuale ci siamo basati sul raggiungimento di una frequenza stabile nel rapporto tipologia di dissipazione (in questo caso un AIO da 240mm) e temperature. Per testare la stabilità della scheda madre ci siamo serviti anche qui del software Cinebench R15 utilizzato anche per i test a default al fine di trovare una buona stabilità per un eventuale Daily-Use. Teniamo a precisare che la CPU utilizzata un i7-6700K ha una frequenza base di 4.0GHz e con Turbo attivo di 4.2GHz 4c/8t quindi ci siamo limitati a salire ancora di diversi MHz per trovare il giusto equilibrio come detto poc’anzi. Le RAM utilizzate come abbiamo visto sono un kit da 8GB con frequenza di 3466MHz impostate tramite BIOS con il profilo XMP in modo tale da non creare instabilità durante la fase di overclock della sola CPU. Il software Cinebench R15 lo abbiamo eseguito anche questa volta in modalità Multithreading in modo tale che ogni singolo Core venisse impiegato nel calcolo del rendering di poligoni.

oc 4.7

L’overclock garantitoci dalla ASRock Z270 Taichi è stato valido e nella media. Abbiamo raggiunto una frequenza di 4.7 GHz come possiamo vedere anche da screen sopra. La frequenza di 4.7 GHz è stata raggiunta con un Voltaggio di 1.36V da BIOS e 1.36V in Windows. Avremo dunque un droop pari a zero o cifre infinitesimali. Abbiamo provato diversi boot e combinazioni di impostazioni per raggiungere frequenze maggiori, esattamente anche un 4.8 GHz, ma stranamente non siamo riusciti, nel nostro caso, ad avere un Boot stabile e duraturo. Sicuramente ancora qualche limitazione di gestione lato BIOS è presente. Anche perché il controller digitale IR 35201 e le 12 fasi, come visto, garantisce un OC con voltaggi direi perfetti.                         


Oro HD new

Prestazioni 4,5 stelle

Prestazioni complessive valide.

Overclock 4,5 stelle Overclock facile fino a 4.7 GHz. 12 Fasi di alimentazione e controller PWM digitale IR 35201.
Design 4,5 stelle

Design classico e interessante. Seppur minima è presente una personalizzazione AURA.

Materiali 4,5 stelle La ASRock Z270 Taichi mette a disposizione una componentistica, complessivamente, valida.
Prezzo 4,5 stelle Circa 230 €. 
Complessivo 4,5 stelle  

         

Siamo giunti al termine anche della recensione odierna che ha visto protagonista l'elegante ASRock Z270 Taichi. Una scheda madre dal design davvero particolare, medesimo del modello X99, e ricca di caratteristiche che permetteranno i più svariati utilizzi.

Potremo spaziare da un utilizzo Networking grazie alle due porte LAN Gigabit Intel (I219V e I211AT) e al modulo WiFi 802.11ac più Bluetooth ad uno di Overclocking grazie ad un interessante controller digitale IR 35201 abbinato a 12 fasi di alimentazione e un circuito di alimentazione ottimamente realizzato e pronto al supporto delle vostre sessioni e prove di Overclock passando per il comparto Storage grazie alle ben 10 porte SATA III e ben 3 Slot Ultra M.2. Non manca il buon circuito audio Purity Sound 4 soluzione Hardware e Software che però rimane inferiore ad una soluzione dedicata quale possa essere quella Creative (come visto in altri modelli).

Complessivamente la ASRock Z270 Taichi offre tutto quello che un utente medio può chiedere con un design fuori dagli schemi e in più una minima personalizzazione con il sistema ASRock AURA comprendente il classico Header per strisce RGB.

Il prezzo della ASRock Z270 Taichi è di circa 230 €. Prezzo che sinceramente ci può stare vista la componentistica, le prestazioni medie e le caratteristiche complessive.

Pro

  • Controller PWM Digitale
  • 12 Fasi Alimentazione
  • Design
  • Triplo Slot M.2
  • Doppio Header USB 3.0
  • 10 Porte SATA III
  • Modulo WiFi 802.11ac e Bluetooth V4.0

Contro

  • Mancano Tasti Power e Reset

Si Ringrazia ASRock per il sample fornitoci.

Tommaso Mele

 

Commenta sul forum